Nel primo caso si tratta della compravendita di trulli diroccati da destinare a dimora principale, il secondo dubbio riguarda un magazzino acquistato successivamente all’abitazione “agevolata”